Palermo, Il palazzo dei Normanni: crocevia di popoli e culture.

Palermo, Il palazzo dei Normanni: crocevia di popoli e culture.

Chi per la prima volta visita la città di Palermo capisce subito che questa non è una città come le altre, poche città al mondo raffigurano infatti il concetto di multiculturalità e multi etnicità più del capoluogo siciliano.


Trova l'offerta



Palermo, Il palazzo dei Normanni: crocevia di popoli e culture.


Chi per la prima volta visita la città di Palermo capisce subito che questa non è una città come le altre, poche città al mondo raffigurano infatti il concetto di multiculturalità e multi etnicità più del capoluogo siciliano. Palermo è stata nei secoli punto d’incontro di tantissimi popoli, uno dei simboli dei millenni di storia della Sicilia, dell’Italia, dell’Europa e dell’intero Mediterraneo. Che si voglia parlare di storia Greca o Romana, che si tratti di Cartaginesi, Siriani, Bizantini, Persiani o Vandali non importa; Palermo è un emblema della storia di ogni singolo popolo.


Il carattere multietnico e multiculturale si respira in ogni singola strada, quando passeggiando lo sguardo incontra la monumentale cattedrale di Palermo, una chiesa di rito bizantino o un’affascinante moschea. Sono anche i suoni gli odori ad inebriare e stupire i sensi che ad ogni angolo possono scoprire piatti e melodie tipicamente sicule o di culture e popoli molto lontani.


Simbolo del melting-pot che caratterizza la città è il suo monumento più conosciuto e visitato: Il palazzo dei Normanni, la residenza reale più antica di tutt’Europa. Il palazzo sorge nella posizione più elevata della città, furono gi Arabi nel IX secolo a farne la loro dimora fortificata partendo dai primi insediamenti punici e romani. I sovrani Normanni trasformarono poi il complesso arabo nella loro sfarzosa reggia, un edificio imponente capace di esprimere tutto il loro potere e prestigio. 


Fu sotto il regno di Ruggero II; nel 1132, che venne poi costruita al primo piano della fortezza la Cappella Palatina, probabilmente uno degli edifici più belli della città. Si tratta di una basilica a tre navate dedicata ai santi Pietro e Paolo e decorata dai più illustri artisti arabi e bizantini. Sono infatti presenti bellissimi mosaici bizantini su fondo oro (raffiguranti il Cristo Pantocratore benedicente, gli evangelisti ed altre scene bibliche del Vecchio e Nuovo Testamento) che si fondono perfettamente con decorazioni tipiche dell’architettura araba.


Il massimo splendore della struttura si ebbe con Federico II di Svevia che ne fece il centro del crogiolo di culture che il re aveva creato a Palermo. Andato in disuso sotto Angioni ed Aragonesi fu riutilizzato dai viceré spagnoli che lo ristrutturano completamente. Oggi il Palazzo dei Normanni è sede dell’Assemblea Regionale Siciliana.


Michelangelo Iossa


 


 

FOTOGALLERY

Nessun dato presente

Dove siamo


DOWNLOAD

    Nessun dato presente

VIDEOGALLERY

Nessun dato presente